0

Qualcuno se lo sarebbe mai immaginato un continente di plastica? I numeri parlano di 700.000 km² fino a più di 10 milioni di km², questo accumulo si è generato per colpa dell'uomo fin dai primi anni 80 e attualmente vaga in una zona più o meno stazionaria dell'oceano pacifico.

The Ocean Cleanup è un'azienda olandese fondata nel 2013 che si è posta come obiettivo quello di raggiungere lo straordinario traguardo di ripulire l'oceano da questa mostruosa massa di plastica.

L'apparecchiatura consiste di un grosso tubo galleggiante che muovendosi più velocemente della plastica la dovrebbe intrappolare semplicemente facendosi trascinare dalla corrente naturale dell'oceano. Il progetto è entrato ufficialmente nella fase operativa a luglio di quest'anno e si prefigge il traguardo di ripulire completamente l'oceano pacifico nel 2050 e della metà della plastica in appena 5 anni.


Una coparabile quantità di plastica è purtroppo presente anche nell'Oceano Atlantico (è chiamata "North Atlantic garbage patch"). Molti animali come tartarughe e uccelli muoiono a causa di questi detriti, scambiati talvolta per meduse o pesci. Speriamo che quella dell'Ocean Cleanup sia una soluzione efficace contro questo dramma che affligge i nostri mari.

Commenti al post

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata